lunedì, Giugno 14, 2021

Omelia per la Notte di Natale

*Omelia del 24 dicembre 1991*

 Il cristianesimo è credere veramente che Dio ci ama

Credo, per capire qualche cosa, bisogna cercare di ricordarci e di commentare la seconda lettura che è stata fatta durante questa liturgia, dall’epistola di Paolo a Tito.  “È apparsa a tutti gli uomini”, dice Paolo, “la benignità del Signore”. E poi dice che avverrà poi la manifestazione della gloria. Ecco, precisamente in questi due tempi che noi possiamo comprendere che cos’è il cristianesimo. Se veramente il Cristo avesse realizzato pienamente su tutte le dimensioni dell’essere la salvezza, noi dovremmo dire che Egli ci ha ingannato, dovremmo dire che ci ha deluso: il mondo è sempre quello di prima. Che cosa è sostanzialmente cambiato nell’uomo, nell’umanità dalla venuta del Cristo? È avvenuta la venuta del Cristo: Dio si è fatto uomo, Dio é disceso fino alla nostra povertà, Dio ha voluto assumere la nostra umiltà. Dio in questo ha manifestato l’infinito suo amore che non ha potuto sopportare di essere da noi diviso, di essere da noi lontano. Non solo sulla croce Egli ha assunto il peccato dell’uomo; prima ancora, nella sua stessa nascita, Egli ha assunto la nostra debolezza, la nostra povertà, il nostro nulla. Ed è precisamente in questa assunzione della nostra povertà che si manifesta l’amore, se noi crediamo. Certo che è incredibile il cristianesimo: senza una grazia particolare è ben difficile che noi possiamo pensare, che noi possiamo credere che quel bambino che nasce, per caso, come appare dal Vangelo di oggi, per caso, sembra, che nasce per caso a Betlhem, sia il Figlio di Dio l’Onnipotente, il Figlio di Dio, Colui per il quale è stato creato l’universo, Colui al quale tendono tutte le cose. Chi lo potrebbe pensare? Ma è proprio nel fatto che Dio voglia discendere fino alla nostra povertà che si manifesta il suo amore. Egli non può sopportare di essere diviso da noi, di essere diverso da noi. È proprio dell’amore prendere l’altro, e possedere l’altro e divenire una sola cosa con l’altro che si ama. E Dio ha voluto essere uomo perché così soltanto poteva manifestare il suo amore; poteva darci tutti i benefici che noi potevamo desiderare ma non ci avrebbe amato.

Chi ama non desidera le cose dell’amato: desidera l’amato. Quando due s’innamorano e vogliono poi sposare, sì, possono accettare anche il regalo dell’anellino con la perla o qualche altra cosa, ma non è questo che può compiere l’unione dei due. L’unione dei due implica il dono di sé all’altro, dono per tutta la vita, dono esclusivo. Tutto l’amante dona all’amato, tutto l’amato riceve dall’amante, e tutto vuol dire lui stesso. Così Dio amandoci si è donato totalmente e si è fatto uno con noi. Ma è questa la salvezza? Sì, per ora è questa la salvezza. La redenzione compiuta da Cristo mi sembra che sia un po’ veramente troppo, come dire… Sì, mi sembra che si esageri troppo nel parlare di quello che la Chiesa può fare sul piano sociale, sul piano politico, sul piano culturale: può far sempre ben poco. È inutile che noi compiamo le cose: Dio ci ha lasciato nella nostra condizione umana di povertà e di bisogno. Poteva, certamente poteva liberarci da tutto questo, ma era giusto che noi volessimo credere al suo amore e volessimo credere al suo amore non tanto perché Egli ci donava quello che Egli poteva donarci indipendentemente da Sé, ma perché noi dovevamo invece capire che non ci avrebbe amato se non fosse divenuto uno con noi, perché noi divenissimo una sola cosa con Lui. 

Che cos’è il cristianesimo? È questa notte. Guardate che tutti i misteri del cristianesimo si compiono di notte, perché veramente tutta la vita del mondo è come la notte. L’uomo vive un mistero dal quale mistero non può sollevarsi, non può uscire: tutto rimane misterioso nella nostra vita, e la nascita e la morte, e il senso che può avere la nostra vita e il valore che possono avere i nostri atti. A chi domanderemo il perché di questo nostro vivere se non abbiamo la fede? Che cosa ci soccorre a capire, ad accettare la vita presente? Ma se abbiamo la fede allora possiamo accettare: Egli vuole che noi sappiamo fidarci di Lui. Verrà un momento in cui Egli si manifesterà e allora la redenzione compiuta oggi sul piano soltanto della vita interiore esploderà anche sulla dimensione sociale, sulla dimensione politica, sulla dimensione cosmica perché, se veramente noi siamo il termine dell’amore di Dio, miei cari fratelli, non si può accettare che l’uomo sia meno di tutta la creazione. È il termine ultimo dell’amore: Dio non ama la creazione che in vista dell’uomo. Tutto quello che Dio ha compiuto l’ha compiuto per me, l’ha compiuto per voi. E dico per me perché l’amore è sempre esclusivo: Dio é infinito e può amare con tutto se stesso ciascuno di noi, senza togliere nulla a nessuno. Egli ama ciascuno di noi come se fosse unico al suo amore; l’Infinito non si divide, l’Infinito non può avere parti, Egli si dà tutto a ciascuno. Io sono al termine, io sono al vertice della creazione: Egli mi ama. E io comprendo questo amore precisamente celebrando la natività di Gesù, perché se avessi dovuto celebrare stasera i miracoli del Signore, la manifestazione – non so – della sua gloria, non sarei stato sicuro che Egli mi amava. Quando uno ama si ordina all’amato, si mette al di sotto dell’amato; fintantoche tu non ti ordini nei confronti di colui che ami e ti metti al di sotto perché l’amato diviene per te il tuo fine, tu non ami. Tu puoi servirti dell’altro ma non lo ami. E Dio ha voluto mettersi al di sotto di tutto perché amava noi; noi dovevamo essere il termine ultimo del suo amore. Noi contempliamo quest’amore divino in un bimbo, nella sua debolezza, in un bimbo che non sa parlare, in un bimbo che non può camminare, in un bimbo che aspetta tutto da te. Sembra che tu debba dargli tutto ed é invece tutto il contrario: tutto tu ricevi da Lui. Che cosa ricevi? La certezza di essere amato.

Questo, questo ci dice il cristianesimo. Il cristianesimo non è altro, ma non è mica poco, sapete. Cristianesimo vuol dire credere veramente che un Dio ci ama. Noi sentiamo che vivere per noi uomini vuol dire sentire che siamo conosciuti, sentire che siamo amati. Non possiamo vivere in noi stessi; chiusi in noi stessi viviamo soltanto la morte. Ma d’altra parte noi sentiamo anche questo, che non vi è alcuna creatura che ci conosca fino in fondo e che fino in fondo non dico ci ami, ma possa rispondere alla nostra esigenza di amore. Dio ci ama, ecco il cristianesimo. Tutto il cristianesimo é nella fede di essere amati da Dio, sentirci termine di questo amore immenso, di questo amore infinito, nella notte di questo mondo. Tutto sembra essere oscuro, tutto sembra non avere senso, tutto sembra che deluda ogni nostra speranza, ma perché noi non vogliamo Dio, vogliamo le cose di Dio. Noi non ci contentiamo che Egli ci ama; vogliamo le sue cose e con questo rifiutiamo veramente l’amore, perché chi ama non sa di che farsene delle cose se non riceve l’amato. Questo è il Natale. E se questo è il Natale, questa è anche la condizione precisamente della umanità fintanto che Egli non si manifesterà nella gloria; sempre la Chiesa vivrà nell’ombra, sempre la Chiesa vivrà nell’umiltà, nella povertà; è inutile che si alzi le trombe… La Chiesa sarà sempre una ben povera cosa, perché Dio non ha dato alla Chiesa altro che quello di testimoniare la Sua presenza; non gli ha dato né potere politico, né potere sociale, né potere economico e poco anche il potere culturale. Che cosa gli ha dato? Ha dato a tutti noi la capacità di credere che Egli ci ama, la capacità per ciascuno di noi di abbandonarci al suo amore e lasciarci amare da lui. Tutto il cristianesimo è qui. Non è facile: dicevo prima, credere è la cosa più difficile che possa esistere oggi nel mondo. Tutto è possibile o almeno tutto è più facile; credere invece a quello che dice il cristianesimo sembra esorbitante, sembra veramente impossibile all’uomo, e vi dirò ancora che è impossibile credere. La fede di fatto è un dono; non possiamo pretendere con la nostra intelligenza di giustificare l’atto di fede. È come, vedete, la fede è come l’esperienza sensibile: posso io cercare di giustificare il fatto che vi vedo qui davanti? Ma tutta la mia vita poggia sulla certezza della oggettiva realtà di quel mondo che attraverso i sensi io percepisco. Come l’oggettiva realtà del mondo fisico si giustifica per me attraverso l’esperienza sensibile, così si giustifica per me il mistero di Dio attraverso una percezione interiore che non è così violenta come l’esperienza sensibile e tuttavia è una percezione, ha un carattere esperienziale. Lo dice san Tommaso d’Aquino. Non crediate che sia per me soltanto una parola: spesso il cristianesimo diventa una parola, un’ideologia. Non è un’ideologia, è un’esperienza di vita; non è un’ideologia: è un incontro di amore; non è un’ideologia, è una presenza viva di Dio che entra nella mia vita. Ed è questo che io vivo proprio anche stasera, il giorno di Natale. Vivo l’esperienza di un Dio che realmente mi ama. Oh, prendere fra le nostre braccia il bambino e sapere che quel bambino che aspetta tutto da te è Colui che ti ha creato, è Colui che un giorno ti giudicherà. Tutta la grandezza di Dio è in quel batuffolo di carne che sembra non avere nessuna possibilità di sopravvivere se io, io non sono al suo servizio, non mi metto al suo servizio.  

Credere nel cristianesimo vuol dire questo: se voi aspettate dalla Chiesa qualche altra cosa, la Chiesa può darvi qualche altra cosa, ma vi deluderà lo stesso. Non pretendete che la Chiesa possa stabilire la giustizia. Oltretutto sarebbe impossibile; chi conosce i valori di ciascuno? E poi quando li conoscessimo, chi ha il potere di rispondere al diritto che può avere ciascuno in forza dei valori che egli esprime? Come é possibile la giustizia, come è possibile la pace quando di fatto ci sono gli egoismi che ancora mettono in contrasto, almeno in tensione, l’uno contro l’altro, l’uomo contro l’uomo, il popolo contro popolo, la nazione contro nazione? Fintanto che vi è l’egoismo che domina, è mai possibile che questo mondo conosca il superamento di queste tensioni? Certo, noi tutti dobbiamo cercare di collaborare, di vivere e di impegnarci a rendere più facile la vita, a renderla più anche profeticamente trasparente nei riguardi di quello che noi attendiamo, nei riguardi della nostra speranza, di quella speranza che non ci confonde, come dice San Paolo, la speranza finalmente che Dio un giorno ci colmerà di tutti i suoi beni. Ma intanto noi dobbiamo vivere, nell’umiltà di questa condizione nostra, la dolcezza del cristianesimo. Vedete, quello che celebriamo sembra veramente qualche cosa che fa anche sorridere. Grandi avvenimenti? Niente: la nascita di un bimbo. Grandi avvenimenti? Non solo la nascita di un bimbo, di un bimbo che rimane poi per tutta la vita, almeno per trent’anni, sconosciuto a tutti, nessuno sa nulla di lui e non fa nulla in trent’anni. E noi celebriamo questa nascita, noi celebriamo questa povertà, noi celebriamo questa debolezza. 

Si diceva prima: non è qualche cosa che indica per noi, che è per noi anzi delusione di una promessa mancata. È invece l’accettazione, piuttosto la verità di una promessa mantenuta che è al di là però di ogni nostra attesa, di ogni nostra aspettativa. Poteva aspettare Isaia che il bambino mettesse la mano nell’aspide, ma perché giocare a queste cose? In fondo sarebbe stata una specie di magia che poi avrebbe lasciato il mondo come lo trovava. Si poteva pensare che la venuta del Cristo avrebbe portato la pace alle nazioni, e invece voi sapete che dopo il Cristo le guerre di religione si sono moltiplicate e anche oggi ci sono. E allora, che cosa ha fatto il cristianesimo? Oh, miei cari fratelli, se crediamo, se veramente crediamo Dio è con noi, vive la nostra piccola vita. Se fosse stato, se fosse soltanto stato un grande uomo che avesse compiuto grandi cose nella vita presente, era difficile per ciascuno di noi poter vivere con lui è che lui vivesse con noi. Ma ecco il cristianesimo: non soltanto si è fatto bambino, si è fatto uomo, ma vive con ciascuno di noi. E non disturba la nostra vita: la vita del più umile come la vita del Papa è lo stesso. Il Papa non vive di più di quello che vive un facchino: quello che dice la grandezza di una vita è soltanto la capacità dell’uomo di aprirsi a questo dono di amore. Dio vive con noi e vive con noi proprio adattandosi alla nostra condizione umana, vivendo la nostra piccola vita. Durante la sua vita passibile anche lui era condizionato dal tempo, dallo spazio; se viveva in un luogo, non viveva in un altro. E, condizionato dal tempo, cresceva – come dice il Vangelo – in età, sapienza e grazia, dinanzi a Dio e dinanzi agli uomini, ma ora non più. L’unica differenza che esiste fra Il Bambino che nasce a Betlemme 2000 anni fa e il Cristo che vive ora con noi è il fatto che, risorto da morte, Egli è invisibile, sì, ma presente a ciascuno; è invisibile, sì, ma tutto si dona a ciascuno.

Voi farete, almeno molti di voi faranno la comunione. Che cosa ricevono nella comunione? Tutto il Signore. Non abbiamo un’esperienza di questo dono, è vero, però noi sappiamo con certezza, con fede, che tutto Dio si dona ciascuno. Ecco vedete, eppure a me avviene qualche volta, posso fare la comunione e magari distrarmi. È una cosa impressionante: com’è possibile accogliere Dio e anche distrarci? Ma è così: Dio discende proprio fino alla nostra povertà. Non cambia nulla, ma è tutto cambiato. Egli è nostro, Egli diviene la nostra gioia e la nostra ricchezza.

Miei cari fratelli, non voglio trattenervi di più. Dico soltanto questa cosa: ricordatevi che la vita dell’uomo quaggiù è una notte che terminerà soltanto nella manifestazione del Cristo. Il mistero ci avvolgerà sempre, ma, se ci avvolge il mistero, nella fede noi sappiamo che – pur nella notte – Uno c’è vicino, Uno ci segue, Uno ci accompagna, Uno ci porta, Uno ci protegge e ci difende.  Non dubitiamo di Dio, non ci smarriamo; non angustiamoci troppo. Viviamo nella pace e nell’abbandono, viviamo nella semplicità di una vita che è comunione continua con Colui che ci ha amato e ci ama e non ci lascia mai più.