martedì, Giugno 25, 2019

Convertirsi leggendo Dostoevskij (1980)

Mi sono convertito perché ho letto Dostoevskij, e se non leggevo Dostoevskij a quest’ora non ero prete, ve lo dico schiettamente. A quest’ora sarei stato scrittore, poeta, quello che volete, ma non prete. E forse nemmeno cristiano.

Adunanza a Firenze, 6 gennaio 1980